Ricette pasta/ Ricette primi/ Uncategorized

Gnocchi ripieni ai carletti

Sfogliando qualche numero fa del mensile di cucina “Alice” che suggeriva ricette pasquali e primaverili una più interessante dell’altra, mi sono imbattuta in un piatto niente male che mi è venuto subito voglia di riproporre. La ricetta originale prevedeva l’utilizzo della classica pasta da gnocchi (da cui poi il nome della ricetta anche se il risultato finale è, dal punto di vista estetico, tutto tranne che uno gnocco), tirata a mattarello e imbottita di un ripieno di mozzarella e pomodorini. Io, complici le nuove temperature autunnali di questi giorni, non mi sono sentita ispirata dall’utilizzo dei pomodorini ed ho optato per i carletti di cui tanto gentilmente la mia socia mi aveva fatto dono. Conoscete i carletti? Sono quelle erbette spontanee che crescono in questa stagione e che, assieme ai bruscandoli, caratterizzano alcuni piatti della tradizione veneta.
Comunque, venendo alla mia reinterpretazione, il risultato mi ha molto soddisfatta ma naturalmente sarà mia cura, appena la stagione lo permetterà, copiare spudoratamente la versione iniziale proposta dalla rivista!

Edit 22.04.12: Ecco qui una foto dei carletti!  


INGREDIENTI 

  • 800 gr di patate lessate e schiacciate
  • 100 gr di farina
  • 1 uovo
  • 100 di carletti
  • 100 gr di ricotta
  • poca poca cipolla (giusto per fare un mini soffritto)
  • qualche mandorla tritata grossolanamente
  • sale, olio e pepe q.b.
  • burro fuso per il condimento
PROCEDIMENTO
Impastate le patate passate allo schiacciapatate con l’uovo e la farina ed aggiungete appena un pizzichino di sale. Ho imparato un trucco: mettete poco sale nell’impasto e molto di più nell’acqua di cottura, così gli gnocchi resteranno più compatti.
Tirate la pasta ottenuta con il mattarello e con un coppapasta ritagliate dei cerchi.
In un pentolino a parte preparate un leggerissimo soffritto, aggiungete i carletti, salateli e pepateli e fateli saltare qualche minuto, poi amalgamate per bene la ricotta ed unite le mandorle.
Per ogni ritaglio di pasta mettete un cucchiaino di ripieno e chiudete a mezza luna sigillando con la forchetta.
Appena l’acqua bolle salatela abbondamente e cuocetevi gli gnocchi ripieni. Vale la solita regola: sono cotti quando vengono a galla. Scolateli con un mestolo forato, impiattate, cospargete di burro fuso e, se vi va, aggiungete qualche altra mandorla tritata.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.