Le nostre vacanze/ Uncategorized/ Viaggi e dintorni

Motogiro in Toscana

O motorigo tos-hano… Ce l’abbiamo fatta!!!  Dopo tanto, tantissimo, troppo  tempo finalmente siamo riusciti a concederci un week end soli soletti. Due gg, 48 ore, solo per noi due!!! E come non bastasse IN MOTO, come ai bei vecchi tempi, quando si partiva la mattina con una vaga idea sulla destinazione e poi, se si arrivava troppo in là, ci si fermava a dormire fuori e si rincasava l’indomani. Piazzati i pupi con mille raccomandazioni siamo partiti sabato mattina, destinazione Monteriggioni in provincia di Siena. Autostrada PD-BO, poi qualche curva in Val D’Idice (gomme nuove nuove da testare, io ne avrei fatto anche a meno….) e sosta per il pranzo a Greve in Chianti. Degustazione di formaggi e salumi locali con mostarda di cipolle e fichi, e via, nuovamente in sella. Un buon gelato a San Gimignano, (forse abbiamo abusato con la mostarda alla cipolla??) passeggiatina tranquilla senza nessuno che si lamentasse della sete, del caldo e della stanchezza (sapete a che mi riferisco, no???????) e arrivo a Castel Pietraio per il pernotto. Se vi piace l’idea di soggiornare in un posto dove l’unico “rumore” è dato dal frinire dei grilli e dal cinguettio degli uccellini siete nel posto perfetto. Si tratta di un vecchio castello ben tenuto nella cui dependance, sono state ricavate una decina di stanze soggette al controllo di una super energica signora tedesca arrivata in Italia 15 anni fa e stabilitasi nel nostro paese per amore: Io adesso spiega voi come fare con codice secreto di porta di ingresso, Jaaaa!!!! Colazione da otto e trenta a tiecci, manciate e beffete e chiedete se affete bisogno, Jaaaaa!  Signorsì Sissignore!

Dopo una doccia rintemprante ci siamo organizzati per cena: i nostri fondoschiena ammaccati hanno imposto il minimo indispensabile di kilometri, così, poiché a pelle ci ispirava, ci siamo fermati alla Futura Osteria situata a Monteriggioni nel borghetto di Abbadia Isola. Siamo stati accolti da cordialissime persone che ci hanno fatto venire l’acquolina alla bocca già con i piatti del giorno, figuratevi quando abbiamo letto il menù da cima a fondo…. Mi è piaciuta tantissimo l’idea di questo locale di reinventare, ma senza snaturarli, i piatti della tradizione, molto carino il pane home made in sacchettini di carta, tipo quelli del fornaio. Vi sembreremo scontati, ma dopo due ottimi antipasti, abbiamo scelto la fiorentina: 1 kg e 700 gr di succulenta carne di manzo che si scioglieva letteralmente in bocca! E per digerire? Un sorbetto di pesca davvero ottimo. Al rientro il buio era completo, il silenzio quasi assordante, che meraviglia!

Domenica mattina, dopo collazzione Jaaa, a Monteriggioni, dove tra l’altro, vi ricordo che ogni anno, la prima settimana di luglio si tiene un festival medievale a cui vale veramente la pena dare un’occhiata. Belli accaldati siamo risaliti in moto, ci siamo fermati ad Arezzo per un caffè e due passi nel centro storico, e poi filati a casa a recuperare la prole. 1000 km di Italia che troppo spesso ci dimentichiamo quanto sia fantastica e quante meraviglie abbia in serbo per noi!
Buon week end!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply