Browsing Category

Ricette bambini

Ricette bambini/ Ricette dolci/ Uncategorized

Torta 12 cucchiai

Avevo totalmente rimosso che in seconda elementare si imparano le tabelline e in questi pomeriggi mi son ricordata del perché avevo eliminato il ricordo…

“Mamma, le so!”
“Ok, quanto fa 3×4?”
“Cosa??”
“3×4”
“Ah, che male la gamba!!!!
“3×4”
“Eh ma non vale, non puoi chiedermi proprio quella che mi sta antipatica!”

 
Arghhhhhhh! Ho il minipimer in mano e potrei usarlo come strumento educativo improprio!!! Meglio che il piccolo Pierino si rifugi in camera sua! E con il fegato talmente gonfio da poter essere usato per dell’ottimo patè, mi son chiusa in cucina a provare questa torta che conoscete praticamente già tutti!!!


INGREDIENTI
Dosi per uno stampo da 22-24 cm
 
  • 12 cucchiai di farina
  • 12 cucchiai di zucchero
  • 12 cucchiai di latte,acqua o succo di frutta (per me 6 cucchiai di succo alla pera e 6 cucchiai di latte di mandorla)
  • 10 cucchiai di olio di semi
  • 2 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • Vaniglia (per me qualche goccia di essenza)
  • Mia aggiunta: mandorle a lamelle

PROCEDIMENTO
Sbattete le uova a lungo con lo zucchero fino a renderle spumose. Aggiungete l’olio, il liquido da voi scelto e la vaniglia. Amalgamate il composto. Unite il pizzico di sale e la farina setacciata con il lievito.
Ungete ed infarinate lo stampo. Cospargete il fondo con le mandorle a lamelle e poi versate il composto .
Mettete in forno caldo (180 gradi per 35 minuti).
Una volta tiepida capovolgete su una gratella e fate raffreddare.
Ricette bambini/ Ricette pasquali/ Uncategorized

Ovetti segnaposto

Di fronte a quanto accaduto ancora una volta in questi giorni è già stato detto tanto, troppo, tutto. Noi vogliamo rimanere in silenzio, nel rispetto di chi, purtroppo, non c’è più…
Chiudiamo la settimana con una non ricetta che potrete ancora una volta cimentarvi a preparare con i vostri bambini in questi giorni a casa in vacanza. La cosa più difficile, dopo aver bollito le uova, sarà quella di munirvi di un coltello con una lama ben affilata per poter tagliare di netto il tuorlo sodo. Velocissima ed economicissima. Buona Pasqua a tutti!


INGREDIENTI
Per ogni segnaposto

  • ½ uovo sodo
  • 2 chiodi di garofano
  • 1 pezzettino di carota
PROCEDIMENTO

Bollite le uova, raffreddatele e sgusciatele. Tagliatele a metà nel lato corto, disponete due chiodi di garofano a formare gli occhi. Tagliate un pezzettino di carota a triangolo, dimensioni 4-5mm, che disporrete a formare il becco.
Ogni pulcino rappresenterà un segnaposto che potrete arricchire con il cartoncino del nome.
Ricette bambini/ Ricette dolci/ Uncategorized

Cucchiaini di cioccolato


Per la festa del papà
Adoro passare del tempo in cucina a fare qualcosa assieme ai miei figli. Se l’idea poi nasce da loro con l’intenzione di fare una sorpresa a papà perché  non accontentarli? Sono stati fatti con così tanta emozione  e trepidazione che, devo dirvi la verità, pur con le loro imperfezioni, li ho trovati dolcissimi e bellissimi…giudizio di parte? Sicuramente!!! E vedere il papino tutto bofonchiante con l’occhio lucido di emozione non ha prezzo… Auguri a tutti i papà!!!


INGREDIENTI
Dosi per 12 cucchiaini

  • 120gr di cioccolato fondente minimo al 70%
  • 30gr di burro
  • 1 cucchiaio di farina di mandorle

PROCEDIMENTO

Sciogliete a bagnomaria il cioccolato con il burro. Fate attenzione che l’acqua, che deve appena sobbollire, non bagni la terrina che contiene il cioccolato con il burro. Troppo calore nuocerebbe.
Mescolate fino a scioglimento completo ed aggiungete la farina di mandorle.
Travasate il tutto in una bottiglia con beccuccio, tipo quelle che si usano per bagnare il pan di spagna, in questo modo sarà più facile distribuire il cioccolato sciolto negli stampini.
Mettete in frigo per almeno un paio d’ore. Una volta solidi sformateli, e serviteli per accompagnare una tazzina di caffè.
Ricette bambini/ Ricette biscotti/ Ricette dolci/ Uncategorized

Biscotti di San Valentino


Allora, capita spesso che, per farmi del male, io passi a visitare il blog di Pinella. Resto talmente estasiata da quello che prepara questa “fata pasticcera” che leggo, deglutisco, e non oso nemmeno commentare, tengo le distanze per una sorta di timore reverenziale.
Qualche giorno fa, solito giretto mattutino e vedo questi: mi dico che anche io potrei riuscirci, e  mi metto all’opera. Dispongo gli ingredienti, li peso tutti, mi accingo a cuocere le uova al microonde…cosa ci vorrà??? Basterà ricordarsi di bucarle dopo un po’ per evitare che esplodano, giusto? Giusto! Basterà ricordarsi di bucarle tutte!!!!! Io ne ho dimenticata una che non è scoppiata in cottura, ma solo nel momento in cui l’ho sfiorata per spostarla. Avete idea di quante minuscole particelle possano comporre un tuorlo d’uovo?????? Schizzate ovunque, sulla mia faccia in primis (per fortuna avevo gli occhiali), sui miei capelli (tempestati di forfora gialla) sulle piastrelle, il lampadario, no le tende noooooooo, in ogniddove insomma! Non sono nemmeno riuscita a dire una parolaccia, giuro che ci stava, eccome. Tramortita dal giallo che mi circondava, ho tirato fuori un altro uovo, l’ho bollito come ho sempre fatto, sgusciato e pestato il rosso assieme agli altri. L’odore persistente di solfuri se n’è andato solo quando ho infornato queste meraviglie che davvero vi assicuro meritano di essere provate.
Io ho voluto darci la forma di cuoricino, saranno i biscotti per la colazione di domenica mattina…se riesco a nasconderli!!!

INGREDIENTI

  • 125 g di farina 00
  • 125 g di farina di mais fumetto (per me fioretto, leggermente più grezza ma ugualmente buona per le preparazioni dolci)
  • 125 g di fecola di patate
  • 250 g di burro morbido
  • 125 g di zucchero al velo
  • 5 tuorli sodi*
  • mezza bacca di vaniglia Bourbon
  • un pizzico di sale Maldon

PREPARAZIONE

*Cottura dei tuorli: sgusciate 5 uova. Ponete i tuorli in una ciotola e coprite con acqua. Cuocete in micro-onde alla max potenza avendo cura dopo ca. 20 secondi di bucare con uno stecchino la superfice dei tuorli. A fine cottura (ci vorranno in totale ca. 60/70 secondi con potenza jet) scolate l’acqua ed eliminate i residui di albume cotto. Ancora caldi schiacciateli con i rebbi di una forchetta e fateli passare attraverso un passino.
Diversamente potete scegliere di rassodare le uova nel modo classico, con il guscio, in un pentolino con l’acqua. Una volta cotte, sgusciatele, mettete da parte gli albumi e schiacciate i tuorli prima con una forchetta, poi attraverso un passino. Meno figo ma sicuramente più sicuro!!!!

Setacciate le farine ripetutamente. Accertatevi che il burro sia morbido. Tagliatelo a pezzi e mettetelo nella boulle della planetaria (usando il gancio a foglia) insieme con lo zucchero al velo, anch’esso ben setacciato.  Mescolate una cucchiaiata di questo impasto con i tuorli setacciati. Unite anche il pizzico di sale Maldon e l’interno della bacca di vaniglia. Unite al resto dell’impasto. Mescolate e unite le farine. Lavorate poco, solo fino ad unire gli ingredienti. Se non disponete della planetaria, impastate a mano.
Stendete la pasta in uno strato alto pochi cm, copritelo con un foglio di carta da forno e conservate in frigo per circa 3 ore.
A questo punto decidete che forma volete dare ai vostri biscotti:
1)Se volete fare i biscotti con una forma, stendete metà impasto ad uno spessore di 1 cm e  con l’aiuto di un coppapasta date la forma desiderata.
2)Se volete, invece, fare i frollini tondi, lavorate l’impasto a cilindro (tipo salsicciotto) di circa 3 cm di diametro. Tagliate il cilindro a fette regolari con un coltello affilato in modo da ricavare dei dischi alti circa 1 cm.
A questo punto rimettete in frigo per un’altra ora e poi infornate a 170°C fino a colorazione ( circa 15 minuti): io ho cotto i primi 10 con forno statico, i secondi 5 a forno ventilato.
Appena cotti sono friabilissimi, attendete che siano completamente raffreddati prima di riporli in una scatola di latta.

Ricette bambini/ Ricette dolci/ Ricette Natale/ Uncategorized

Preparato per cioccolata in tazza


Il conto alla rovescia è iniziato, il mio forno sta rimpiangendo le torride giornate di luglio quando, inebetita dalle temperature, lo guardavo e mi giravo da un’altra parte… sto sfornando biscotti e biscottini che poi finiranno dritti dritti nei sacchettini che regalerò ad amici.  L’unica sosta gliel’ho concessa per la preparazione di questa meraviglia che ho scovato un bel po’ di tempo fa qui.
E che ho pensato di usare per altri regalini; si può infatti preparare anche in anticipo senza rischiare che deteriori, con la certezza che il risultato è davvero garantito.
Con oggi cari amici sospenderemo i nostri post per qualche giorno, passeremo sicuramente da voi per un salutino. Tantissimo auguri per un sereno Natale, ovunque siate, e con chiunque decidiate di trascorrerlo.


INGREDIENTI
Ingredienti per circa 12 tazze

  • 180 g di cioccolato fondente al 65%
  • 85 g di cacao amaro
  • 30 g di zucchero di canna
  • 100 g di zucchero a velo
  • 30 g di fecola di patate


PROCEDIMENTO

Tritate finemente il cioccolato fondente (potete farlo anche utilizzando il mixer, l’importante è procedere ad impulsi e controllare spesso che il cioccolato non si surriscaldi). Sempre nel tritatutto unite il resto degli ingredienti e azionate l’apparecchio fino ad ottenere un composto omogeneo e ben polverizzato. Il vostro preparato a questo punto è pronto è può essere aromatizzato a piacere sia utilizzando spezie intere, che metterete all’interno del barattolo (vedi stecca di vaniglia, cannella, anice stellato, ecc.) o in polvere. Conservate all’interno di un contenitore ermetico.
Per preparare la vostra cioccolata calda sappiate che per 1 tazza serviranno:
3 cucchiai di preparato per cioccolata in tazza
150 ml di latte fresco
Versate il preparato per cioccolata in tazza all’interno di una piccola casseruola insieme al latte freddo che verserete poco alla volta, mescolate con un cucchiaio evitando di fare grumi. Ponete sul fuoco e rimestate continuamente fino ad ottenere una crema densa e vellutata.
Ricette bambini/ Ricette dolci/ Ricette Natale/ Uncategorized

Biscotti natalizi al caramello


È mercoledì sera, sto scrivendo questo post che sarà on line venerdì e c’ho una luna, ma una luuuuuuna di quelle che ve le raccomando…. Domani sera cena di Natale aziendale, aperitivo in un locale alla moda e poi ci sposteremo in uno storico ristorante per la cena. Naturalmente ci si dovrà vestire in maniera elegante, naturalmente avevo già deciso cosa mettere… corretto, “avevo” perché oggi, a scombinare il tutto, è arrivata una e-mail dalla direzione con l’indicazione di un “dress code” che prevede di indossare un abbigliamento o almeno un accessorio rosso. Io non ho cose rosse, non le porto, io avevo previsto di indossare tutt’altro, sia come abiti che come accessori… Cosa mi metto adesso????
Naturalmente impensabile pensare di andare a prendere qualcosa di adatto dopo il lavoro, sono uscita dall’ufficio troppo tardi e a casa ci sono una cena da preparare, dei compiti da controllare…
E così, una volta sistemata la cucina, mi metto a provare un po’ di cose alternative a quello che avevo deciso, ma per niente convinta… passo e ripasso davanti allo specchio, sorriso all’ingiù: i pantaloni sono ok, ma quella maglia non ci sta, sembro una vedova, il vestito forse, ma con cosa lo abbino? Non ho niente da mettereeeeeee!!!!! Masochista chiedo consiglio al bradipo che sta annichilito sul divano con coperta e telecomando in mano e che, alle mie domande, emette suoni gutturali incomprensibili. Mi sale il nervoso alle stelle… Vi parlo dei biscotti fatti lo scorso week end con la speranza che mi passi!
Si tratta dei famosi biscotti al caramello di Montersino, imperversano in rete, io mi sono ispirata qui.


INGREDIENTI
 
  • 180 g di zucchero di canna grezzo
  • 50 g di panna liquida
  • 50 g di zucchero Muscovado
  • 350 g di burro
  • 550 g di farina per dolci

PROCEDIMENTO

Preparate il caramello con i 180 g di zucchero di canna. Mettete su fuoco dolce un pentolino con un cucchiaio di zucchero fino a farlo caramellare. Aggiungete un altro cucchiaio di zucchero, lasciate caramellare e continuate in questo modo fino a esaurire lo zucchero.
Mentre effettuate questa operazione, non mescolate mai lo zucchero, altrimenti diventerà grumoso e risulterà difficile farlo sciogliere. Piuttosto, roteate il tegame in continuazione tenenedolo sospeso sulla fiamma.
Versate la panna bollente sul caramello, mescolate qualche istante e ritirate dal fuoco, aggiungete il burro tagliato a pezzetti continuando a mescolare con la frusta. Lasciate raffreddare il composto poi, unitelo alla farina e allo zucchero Muscovado, mescolate fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lasciatelo riposare in frigo coperto da pellicola alimentare per 2 ore.
Ritirate l’impasto dal frigo e rilavoratelo velocemente fino ad ottenete dei cordoncini di ca. 3-4 cm di diametro che metterete in freezer per ca. 20 minuti. Estraete dal freezer, tagliate delle rondelle di ca. 2 cm di spessore ed adagiatele su una teglia rivestita con carta forno spolverizzandoli con lo zucchero di canna. Fate cuocere in forno caldo a 180°C per circa 15 minuti.
Appetizer/ Ricette antipasti/ Ricette bambini/ Ricette finger food/ Ricette pesce/ Uncategorized

Polpette tonno e ricotta


Battito leggermente accelerato, elettroencefalogramma quasi piatto, pressione un pelo altina… superata la settimana appena trascorsa non direi indenne, ma deo gratias ci sono!!!!  E grazie al cielo ci sono gli amici che con due risate alleggeriscono la situazione! Naturalmente cucinato zero, a parte le polpettine di Alice che volevo provare da un po’ e che hanno salvato egregiamente una cena. Velocissime e davvero gustose.
Riporto fedelmente la ricetta (a fianco le mie annotazioni)

Nota non a margine: Per una scelta consapevole del tonno vi rimandiamo a questa classifica di Grenpeace.


INGREDIENTI
Per  circa 20 polpettine
  • 400 gr di ricotta di pecora (per me vaccina)
  • 400 gr tonno in scatola (peso lordo non sgocciolato)
  • 4 cucchiai di parmigiano grattugiato (per me pecorino)
  • 2 uova

Per l’impanatura
  • 1/2 pane grattugiato
  • 1/2 parmigiano grattugiato

PROCEDIMENTO

Scolate bene il tonno dall’olio di conservazione, sminuzzatelo finemente  in una ciotola nella quale aggiungerete la ricotta, le uova e il pecorino grattugiato. Amalgamate  bene con una forchetta tutti gli ingredienti. Se dovesse risultare un impasto troppo molle, aggiungete poco pane grattugiato. Formate delle piccole polpettine leggermente schiacciate, passatele in un impanatura di parmigiano grattugiato e pangrattato ( in proporzione 50 a 50). Foderate una teglia con carta forno, oliatela leggermente con la punta delle dita e posizionate le polpettine, irroratele con un filo di olio evo (io uso lo spray). Infornate  in modalità areata a 180° per 30 mininuti, giratele a metà cottura. Sfornatele e servitele a vostro piacimento: calde, tiepide o fredde… sono comunque ottime.

Ricette bambini/ Ricette dolci/ Ricette lievitati/ Ricette pane/ Uncategorized

Pangoccioli

Tutti prima o poi abbiamo provato a replicare le ricette dei prodotti confezionati che comperiamo al supermercato. Nel mio caso, credo che, a convincermi a provare i pangoccioli, più che l’atmosfera bucolica del famoso Mulino accompagnato dal suo ancor più famoso fornaio, inseparabile dalla sua gallina Rosita, sia stato leggere la ricetta della mitica Paoletta. Già, perché io, devo confessare che i pangoccioli non li ho mai acquistati, non mi hanno mai attirata, mentre la ricetta di Anice e Cannella mi acchiappata per bene. Complice il compleanno del guerriero (anni 7 eh, qui non si scherza più!!!!) mi son detta che avrei potuto provarci anche io.
Diversamente da Paoletta ho predisposto il lievitino la sera prima, l’ho lasciato coperto in frigo tutta la notte, e l’ho poi utilizzato la mattina seguente (non senza una certa ansia da prestazione) dopo averlo lasciato a temperatura ambiente una mezz’oretta.
Per il resto seguito pedissequamente ogni passaggio. Con un certo orgoglio posso dire che il risultato mi ha soddisfatta e così pure le piccole pesti intervenute al compleanno.

Che aspettate quindi? Rimboccatevi le maniche e impastate pure voi!


INGREDIENTI
  • 500 gr di farina 00 W330 (oppure 250 gr di farina 00 e 250 gr di manitoba del super)
    (facoltativo: 50 gr di farina di riso* da sostituire al totale
  • 10 gr di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 tuorlo
  • 1 uovo
  • 75/85 gr di zucchero
  • 10 gr di sale
  • 50 gr burro
  • 25 gr di strutto
  • 75 gr di gocce di cioccolato (tenute in freezer)
  • buccia d’arancia grattugiata
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 150 gr di acqua
  • 115 gr di latte intero
  • 1 tuorlo e poco latte per la pennellatura
* se non si ha la farina di riso, è sufficiente polverizzare del riso
 
PROCEDIMENTO

Con 25 gr di burro presi dal totale, preparare un burro aromatizzato facendo sciogliere quest’ultimo a fuoco basso, insieme alla buccia d’arancia grattugiata, fino ai primi sfrigolii.
Coprire.
Preparare un lievitino mescolando l’acqua, il miele, il lievito e 150 gr di farina forte (presa dal totale). Come vi dicevo nell’intro io l’ho preparato la sera precedente lasciandolo coperto in frigorifero per tutta la notte.
Halloween/ Ricette bambini/ Ricette dolci/ Uncategorized

Dolce di Halloween


TRICK OR TREAT
SMELL MY FEET
GIVE ME SOMETHING
GOOD TO EAT



INGREDIENTI
Dosi per una tortiera da 28 cm (io ho usato una teglia rettangolare 30*20)

Per la base
 
  • 400gr di farina 00
  • 280gr di zucchero
  • 40gr di cacao amaro in polvere
  • 3 uova
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 tazzina di olio di riso
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito per dolci
Per la farcia
  • 250 gr di mascarpone
  • 1 tazzina di latte
  • 4/5 cucchiaiate di crema al cioccolato spalmabile (per me Nocciolata Rigoni di Asiago)
  • Per le decorazioni
  • Zucchero al velo
  • Cioccolatini

PROCEDIMENTO

Sbattete a lungo le uova con lo zucchero, fino a che saranno spumose e quasi bianche, versate poi il latte e l’olio e la farina setacciata con il lievito; da ultimo il cacao in polvere.
L’impasto deve avere una consistenza morbida, dovesse sembrarvi troppo denso, aggiungete un goccio di latte.
Imburrate ed infarinate una tortiera, versate l’impasto e cuocete a 180° per ca. 30/35 minuti.Fate la prova stecchino. Poi fatela raffreddare su una gratella.
Preparate la farcia ammorbidendo il mascarpone con il latte ed aggiungendo successivamente la crema al cioccolato.
Tagliate in due dischi la vostra torta e farcitela con la crema al mascarpone.
Ritagliate da un cartoncino una forma a tema halloween, appoggiatela sulla torta, spolveratela con lo zucchero al velo, togliete la forma facendo attenzione a non lasciare impronte o rovesciare lo zucchero, terminate id decorare con i cioccolatini “paurosi”.
Ricette bambini/ Ricette dolci/ Ricette veloci/ Uncategorized

Roselline di sfoglia


Lo so le conoscete già tutti, ma per me era una di quelle ricette che volevo provare anche io, giusto per mettere alla prova la mia manualità inesistente. Quindi, non vi dico la grande soddisfazione quando ho sfornato queste roselline e mi sono accorta che sembravano davvero dei fiori ed in cottura non avevano perso la loro forma iniziale.
Nel web ne ho trovate con un sacco di farciture, io ho fatto un po’ a mio estro, e, cosa importante, ho tenuto la buccia alle mele per avere proprio l’idea scenica del petalo. Che dirvi, son facili, veloci e piacciono davvero tanto. Se, come me, siete tra i pochi che non le hanno ancora provate, che aspettate?



INGREDIENTI
Dosi per 6/8 roselline

  • 1 rotolo sfoglia rettangolare
  • 1 mela
  • 3 cucchiai zucchero
  • 1 noce di burro
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • spezie a piacere (chiodi di garofano, cannella, zenzero etc)
  • qualche cucchiaiata di marmellata di albicocche
  • granella di pistacchi o mandorle
  • olio di riso per pennellare la teglia o pirottini di carta


PREPARAZIONE

Lavate le mele e, una volta eliminato il torsolo tagliatele a fettine sottili senza eliminare la buccia.
Sciogliete il burro in un padellino antiaderente, adagiatevi le mele, spolveratele con 2 cucchiai di zucchero, le spezie in polvere a piacere ed irrorate con il limone. Cuocete qualche minuto facendo attenzione a non sfaldarle. Mettete da parte a raffreddare
Ricavate dalla sfoglia delle strisce di ca. 5 cm di altezza, pennellatele con la marmellata e spolveratele con la granella scelta.
Disponete le fettine di mela lungo il bordo, lasciando in vista la buccia. Piegate il bordo inferiore sulle fette di mela premendo un po’ sui bordi.
Arrotolate con attenzione e disponetele in una teglia per muffin che avrete precedentemente pennellato con dell’olio di riso (inodore). Io non uso i pirottini di carta perché mi sembra trattengano troppa umidità e penalizzino la croccantezza della sfoglia
Mettete in frigo una mezz’oretta.
Infornate a 180/185° in forno statico per ca. 45/50 minuti. Dopo ca. 20 minuti copritele con un foglio di alluminio bucherellato per evitare che i petali bruciacchino. Una volta cotte estraetele dalla pirofila, cospargetele con lo zucchero rimasto e disponetele a raffreddare su una gratella.