Browsing Category

Ricette pasta

Ricette pasta/ Ricette verdure/ Uncategorized

Pasta al pesto di carletti

“Mammaaaa! Oggi a scuola ho mangiato i bigodini al ragù!!!!!!”
“Cheeeee?????”
“Siiiiiii, quelli lunghi che assomigliano agli spaghetti!”
“Ahhhh! Allora si chiamano bigoli, i bigodini non sono commestibili”
Come vi dicevo nella scorsa ricetta, la mia socia mi ha recuperato una bella manciata di carletti freschi raccolti in un campetto vicino a casa, e mi è venuto in mente che, il modo migliore per apprezzarne il sapore, era gustarli al naturale, cioè crudi. Si tratta però di erbette piuttosto amarognole, ecco perciò che le ho mitigate con del pecorino del basilico ed un pizzichino di zucchero. L’ho usato per condire della pasta. Nel bel mezzo del pasto mio marito è corso a prendere il cell per uno scatto al volo, ha detto che era troppo buona… motivo per cui le foto son bruttarelle… Consiglio di provare la ricetta!

INGREDIENTI

Per il pesto:

  • 1 manciata di carletti (ca. 100/120gr)
  • 2-3 foglie di basilico
  • 2 cucchiai di pistacchi tritati finemente
  • 4-5 cucchiai di olio
  • 1 pizzico di zucchero
  • 3-4 cucchiai di pecorino grattugiato


Per condire la pasta
:

  • 100 gr di robiola diluita con 1 mestolo di acqua di cottura della pasta
  • 400gr di fusilli

In un frullatore tritate i carletti con il basilico spezzettato e tutti gli altri ingredienti. Dovesse risultare troppo amaro per i vostri gusti aggiungete un altro pizzichino di zucchero.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela ma non troppo e conditela con la robiola diluita con l’acqua di cottura ed un filo d’olio.
Aggiungete il pesto, un ulteriore spolverata di parmigiano e servite!

Ricette pasta/ Ricette pesce/ Ricette primi/ Uncategorized

Fusilli di farro risottati con salmone affumicato

Per il ponte dell’8 dicembre ci siamo dedicati un week end fuori porta nella zona tra Pesaro e Fano, visitando il carinissimo paesino di Candelara, dove, come per magia, al calar del sole si spengono le luci ed il tutto resta illuminato semplicemente dalle candele. Su consiglio di amici, abbiamo fatto una sosta presso l’azienda agraria Guerrieri dove abbiamo acquistato un bel po’ di pasta prodotta direttamente in zona da cereali coltivati sui 90 ettari di terreno di proprietà. Ora, l’azienda agraria in questione non sa del mio post di oggi, ma la pasta acquistata è davvero molto buona, ed io trovo doveroso nominare una realtà italiana che, pur in questo particolare momento di difficoltà che il nostro paese sta vivendo, tiene presente prima di tutto la qualità e la soddisfazione del consumatore finale.
Ecco il link dell’azienda: http://www.aziendaguerrieri.it/


INGREDIENTI
Dosi per 4 persone
 
  • 500 gr di fusilli di farro (per me Guerrieri)
  • 250 gr di salmone affumicato su legno finlandese (dopo il viaggio di questa estate ci è presa la fissa del salmone affumicato)
  • 1 litro di brodo di pesce, ma va bene anche di verdure se vi piace un gusto più delicato
  • 2 cucchiai di rhum
  • Pepe rosa
  • Prezzemolo tritato (che io non aggiungo per evitare scene madri al momento del pasto)
PROCEDIMENTO
In una capace pentola, versate mezzo litro di brodo bollente, versate la pasta ed iniziate a mescolare come fosse un risotto, sfumate con il rhum. Man mano che il brodo si asciuga, versatene ancora mantenendo morbida la pasta. A metà cottura versate 150 gr di salmone sminuzzato e continuate a mescolare. A fine cottura aggiungete il restante salmone, un filo d’olio, qualche grano di sale rosa e, a piacere una manciata di prezzemolo tritato. Impiattate e servite.
Ricette pasta/ Ricette primi/ Scamorze ai Fornelli/ Uncategorized

Mattonella di melanzane

Che sollievo, dopo una pesantissima giornata di lavoro, arrivare a recuperare i propri figli dalla nonna e trovare la cena pronta ed impacchettata da portare a casa! Se, poi, la cena è questo meraviglioso piatto di pasta fredda e melanzane, il rientro a casa diventa una vera e propria festa!
La mia unica fatica? Scattargli due foto, perché non si poteva tralasciare, preparare la tavola, aprire una bottiglia di prosecco e mettermi comoda!
Sarà stato che l’ho trovato pronto, sarà stato che avevo una fame becca, io l’ho trovato davvero ottimo.
P.s. Per dovere di cronaca, la mia mamma mi ha detto di aver trascritto la ricetta da “La prova del cuoco”.


INGREDIENTI
  • 3 melanzane
  • 1 cipolla
  • 600 gr passata di pomodoro
  • 400 gr di pasta
  • Qualche foglia di basilico
  • Una manciata abbondante di parmigiano grattugiato
  • 250 gr di mozzarella tagliata a cubetti
  • Olio per friggere

PROCEDIMENTO

Tagliate a fette le melanzane, mettetele in ammollo, per una decina di minuti, in una pirofila con del latte, scolatele, asciugatele con della carta da cucina e friggitele in abbondante olio per frittura.
Tritate la cipolla, fatela appassire in poca acqua, frullatela ed aggiungete la passata di pomodoro. Aggiustate il sugo di sale e pepe ed aggiungete il basilico spezzettato con le mani.
Cuocete la pasta, scolatela e conditela con il sugo di pomodoro aggiungendo il parmigiano.
Prendete uno stampo da plumcake, foderatelo con le fette di melanzane fritte, versate uno strato di pasta e cospargete di mozzarella, continuando alternando gli ingredienti fino ad esaurimento. Terminate con uno strato di melanzane. Infornate a 200° per 10 minuti.
Appena freddo capovolgete in un piatto da portata e servite decorando con alcune foglie di basilico.
Ricette pasta/ Ricette primi/ Uncategorized

Pasta al pesto di rucola e pomodorini

Iniziamo la settimana con un piattone di pasta. Dico piattone, perché a casa mia non cucino spesso la pasta, ma quella volta che va in tavola si abbonda perché diventa piatto unico. Se l’è pappata pure il piccolo schizzinoso, convinto che il sughetto verde fosse quello al basilico… ehehehehe! Fregato!!!

INGREDIENTI
Dosi per 4 persone (2 adulti e due bambini affamati)

  • 500 gr di pasta (formato a vostro piacere)
  • 500 gr di rucola (lavata ed asciugata)
  • 1 manciata di granella di mandorle
  • 20/25 pomodorini lavati, asciugati e tagliati a quarti
  • 2 cucchiaiate di ricotta affumicata grattugiata
  • Olio, sale e pepe
  • 1 cucchiaio di cipolla tritata

PROCEDIMENTO

Nel tritatutto riducete in crema la rucola con un pizzico di sale e due cucchiai di olio evo. Aggiungete le mandorle e la ricotta e mescolate il tutto.
In una padella saltate la cipolla con due-tre cucchiai di olio e poi, a fiamma vivace cuocete per 3-4 minuti i pomodorini.
In abbondante acqua salata cuocete la pasta al dente, scolatela e conditela prima con un filo d’olio, poi il pesto di rucola, ed infine aggiungete i pomodorini. Servite tiepida.
Ricette pasta/ Ricette pesce/ Ricette primi/ Uncategorized

Caserecce al sugo di pesce piccante


Venerdì pesce! Sì ma con la pasta, a chiusura di una settimana all’insegna dei carboidrati.

Ricetta pensata in macchina al rientro da una giornata bella pienotta di cose da fare. E stasera, che preparo? Il filetto di persico avanzato da ieri è poco, quasi quasi mi fermo in pescheria ci aggiungo qualcosa e faccio un sughetto per una pasta. Scusate la qualità delle foto, sono state scattate al volo mentre spadellavo la pasta. A proposito, ci va la “i” o no?



INGREDIENTI
Dosi per 4 persone (dosi abbondanti per soddisfare palati e panze esigenti)

  • 400 gr di casarecce o altra pasta a vostro piacere
  • 200 gr di pesce persico (cotto al forno con una fogliolina di alloro ed un goccino di vino bianco, salato e pepato
  • 600 gr di gamberetti (peso a crudo con guscio)
  • 1 limone
  • 300 ml di passata di pomodoro
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • ½ limone
  • Sale, pepe, peperoncino, olio evo


PROCEDIMENTO

In una capiente padella mettete a scaldare a fuoco bassissimo la passata di pomodoro, sbriciolando, dopo qualche minuto, la polpa di pesce persico. Salate e pepate abbondantemente. Non lesinate sul peperoncino. Versate il vino bianco e fate evaporare.

In una pentola cuocete per qualche minuto in acqua bollente salata, a cui avrete aggiunto il succo di mezzo limone, i gamberetti. Scolateli e sgusciateli. Aggiungeteli al sugo in cottura in padella e, se vi dovesse sembrare troppo asciutto, date un giro di olio d’oliva.

Scolate la pasta, versatela nella padella con il sugo e saltatela per far amalgamare per bene il sugo.

Impiattate e tenete pronto un bel panino per ripassare ben bene il piatto!
Ricette pasta/ Ricette primi/ Uncategorized

Maltagliati alla salvia con sugo di pomodoro e stracciatella

Allora, nel post precedente me la sono un po’ tirata, ma confesso, prima di ottenere i tortelli ben fatti con la fogliolina di salvia ben in vista ho fatto una serie di tentativi perché dovevo testare lo spessore adatto del rullo della macchina della pasta. Per esempio chi se lo sarebbe immaginato che le foglie di salvia si sarebbero sbriciolate in quel modo con il rullo troppo stretto? Comunque, non tutti i mali vengono per nuocere, ne ho ottenuto dei maltagliati davvero gustosi.




INGREDIENTI

Dosi per 4 persone (2 adulti e 2 pupi)

Per i maltagliati

  • 300 gr di farina
  • 3 uova
  • qualche foglia di salvia

Per il sugo

  • 400 ml di passata di pomodoro
  • 1 spicchio d’aglio
  • 150 gr di stracciatella
  • Olio evo/sale e pepe

PROCEDIMENTO
Per impastare i maltagliati vi rimando qui. Tirate la pasta più volte ripiegandola, dimodoché le foglie di salvia poste all’interno si sbriciolino per bene conferendo alla sfoglia l’effetto sale&pepe. Non dovrà essere troppo sottile altrimenti si appiccicherà in fase di ritaglio, e poi, mio modesto gusto personale mi pare attacchi meglio il sugo. Tagliate grossolanamente la pasta ottenendo delle tagliatelle più o meno larghe e disponetele su un vassoio di cartone con della farina di semola per evitare attacchino.

In una casseruola saltate lo spicchio d’aglio con qualche cucchiaio d’olio, aggiungete la passata di pomodoro e cuocete a fuoco lento per una ventina di minuti. Eliminate lo spicchio d’aglio ed aggiustate di sale e pepe.

Mettete a bollire l’acqua, salatela e poi cuocete per 4/5 minuti – ma non di più – la pasta. Nel mentre versate la stracciatella nella passata e rimestate velocemente. Scolate la pasta conditela col sughetto e servite bollente.
Ricette pasta/ Ricette primi/ Uncategorized

Linguine con salmone e fourme d’ambert



La fourme d’ambert è un formaggio blu, un erborinato dal gusto inaspettatamente piacevole rispetto all’odore particolarmente intenso che sprigiona. L’ho usato per creare un condimento insolito per della pasta, l’ho cioè abbinato a del salmone fresco e ad uno yogurt greco di marca sconosciuta che ho trovato molto gustoso, tutti alimenti che ho acquistato venerdì scorso, grazie ad una giornata di ferie che mi ha permesso di andare a fare la spesa senza avere i minuti contati o qualcuno che brontoli per uscire dal super. Ho potuto scegliere con calma le cose da mettere nel carrello e pensare agli accostamenti – magari azzardati – da fare.
Con questa ricetta vi saluto per qualche giorno, perché da venerdì a lunedì sarò a Budapest a “riscuotere” il mio premio vinto con il contest di Squisito Viaggio nel gusto. Naturalmente al mio rientro sarà d’obbligo un resoconto dettagliatissimo!

INGREDIENTI
Dosi per 4 persone
  • 320 gr di linguine Rummo
  • 2 fette di medie dimensioni di salmone fresco
  • 150 gr di fourme d’ambert
  • 4 cucchiai di yogurt greco
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • ½ finocchio crudo affettato sottilmente
  • Sale – pepe – olio – burro salato
PROCEDIMENTO
In una padella sciogliete una noce di burro salato, disponete le fette di pesce e fatele rosolare. Sfumate con il vino bianco e proseguite la cottura per ca. 8/10 minuti. Eliminate la pelle e le spine, sminuzzate con una forchetta, salate e pepate.
In un pentolino a parte fate sciogliere la fourme d’ambert con lo yogurt, poi amalgamate al salmone.
Cuocete la pasta, scolatela al dente e conditela con il sugo di salmone e formaggio. Se vi sembra troppo asciutta versate un filo d’olio d’oliva.
Impiattate e prima di servire cospargete con il finocchio crudo affettato sottile sottile.
Ricette pasta/ Ricette primi/ Uncategorized

Pizzoccheri con crema di funghi pancetta croccante e ricotta

Autunno corrisponde a zucca, castagne e naturalmente funghi. Li adoro, trovo siano superbi nel sempreverde risotto o con le impareggiabili tagliatelle. E che ne dite dell’abbinata con la zucca? Buoni in vellutata, speciali con la polentina morbida e le scaglie di grana. State deglutendo? Io oggi ve li propongo con una dadolata di pancetta e della ricotta di montagna affumicata. Lo sentite il profumino???

 
INGREDIENTI
  • 320 gr di pizzoccheri
  • 350 gr di funghi (peso da crudo) per me finferli
  • 250 gr di pancetta affumicata tagliata a dadini
  • 2 cucchiai di crema di riso (per me Sarchio) o in alternativa 2-3 cucchiai di latte fresco intero
  • 50 gr ricotta affumicata grattugiata
  • 1 tazzina di vino bianco
  • Olio, sale e pepe, 1 spicchio d’aglio
PROCEDIMENTO
Cominciamo dai funghi: rosolate uno spicchio d’aglio in camicia con qualche cucchiaio d’olio, poi aggiungete i funghi che avrete in precedenza pulito e tagliato a pezzetti. Versate il vino, lasciate evaporare e proseguite la cottura. Aggiustate di sale e pepe. Frullate tre quarti dei funghi assieme alla crema di riso e mettete da parte. In un padellino saltate la pancetta fino a rendere trasparenti le parti con il grasso.
Mettete a bollire l’acqua, salatela e cuocete i pizzoccheri per 10/15 minuti. Scolateli, condite prima con la crema di funghi aggiungendo, se necessario, un filo d’olio, poi versate i funghi interi lasciati da parte e la pancetta con tutto il suo sughetto. Terminate con la ricotta grattugiata.
Ricette mare/ Ricette pasta/ Ricette primi/ Uncategorized

Tagliatelle ai cereali con tonno affumicato e pomodorini

 
Grazie al cielo è venerdì, si chiude una settimana da incubo, lavorativamente parlando, lunga e difficile, con pochi obiettivi raggiunti. E poi è arrivato, come tutti gli anni, il momento in cui sono infastidita, ancor più del solito, dagli ignoranti, saputelli, arroganti… insomma è giunto il momento in cui mi infastidisce relazionarmi, tradotto, è ora di ferie! Ma manca ancora un bel po’, purtroppo…
Ieri sera, mi sono consolata con questa improvvisazione gastronomica: delle tagliatelle integrali fresche comperate al super al banco frigo, abbinate a del tonno affumicato, pure questo un acquisto di prova…


INGREDIENTI
Dosi per 4 persone
  • 350gr di tagliatelle ai cereali fresche
  • 200 gr di pomodorini
  • 100 gr di tonno affumicato
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 foglie di menta
  • 2 foglie di basilico
  • Sale, pepe, paprika, olio

PROCEDIMENTO

Tagliate a spicchi, dopo averli lavati, i pomodorini e saltateli in padella con qualche cucchiaio d’olio e lo spicchio d’aglio per pochi minuti. Salate, pepate ed “impaprikate”, poi aggiungete le foglie di menta e basilico e a padella scoperta, lasciate raffreddare.
Tagliate a pezzetti irregolari il tonno.
Mettete a bollire l’acqua, cuocete la pasta, scolatela al dente. Conditela con i pomodorini da cui avrete eliminato le foglie di menta e basilico e l’aglio, e da ultimo il tonno. Se necessario terminate con un filo d’olio.
Ricette pasta/ Ricette primi/ Uncategorized

Penne integrali ai sapori dell’aia

Eccoci qui, “maggembre” è finito e ora confidiamo che giugno si comporti come ci si aspetta da lui… Uff che barba che noia…
Nel tour de force di questi ultimi giorni di scuola, tra saggi, cene, brevetti, il tempo da dedicare ai fornelli stringe, si va di piatti unici, che soddisfino il palato e riempiano il pancino senza richiedere troppo impegno. La mia socia, quando ha visto in questa ricetta l’abbondante uso delle cipolle, quasi voleva togliermi il saluto, per cui, chi, come lei, fosse nemico avverso di questo ortaggio è vivamente consigliato di non leggere questo post… Buona settimanaaaa!!!!!


INGREDIENTI
Dosi per 4 persone
  • 400 gr di pasta integrale (per me penne rigate)
  • 2 zucchine lessate ma ancora croccanti
  • 2 cipolle bianche
  • 200 gr di polpa di pollo grigliata e tagliata a tocchetti
  • Olio d’oliva, rosmarino, sale, pepe, alloro, burro

PROCEDIMENTO
In una ciotolina, versate 4/5 cucchiai d’olio evo ed immergeteci un rametto di rosmarino a macerare. Cuocete le cipolle in un pentolino con una foglio d’alloro, una noce di burro, del sale e del pepe fino a che saranno morbidissime ma senza sfaldarsi. Tagliate ½ cipolla a falde sottili, riducete in purea le rimanenti assieme alle zucchine.
Mettete a bollire l’acqua, cuocete la pasta, scolatela e conditela con la purea, la cipolla a falde, i tocchetti di pollo grigliato e l’olio aromatizzato.