Browsing Category

Ricette vegan

Ricette dolci/ Ricette vegan

Torta vegana al cioccolato: ricetta con latte vegetale

Torta vegana al cioccolato

Torta vegana al cioccolato

Sabato, ore 10 del mattino: è grigio e temporaloso, una di quelle giornate in cui capisci che dovrai tenere la luce accesa tutto il giorno perché il sole non farà mai capolino. Sorseggio il secondo caffè e ci inzuppo pure un paio di frollini. Apro il frigo: ho ancora dei rimasugli di cioccolato fondente delle uova di Pasqua, mi sa che conviene farlo fuori…
Il guerriero di sua spontanea volontà ha tirato fuori i quaderni e sta facendo i compiti (e io per un attimo temo il nubifragio); la mia vicina di casa, forse con un passato di militante nei “Sorcini” sta condividendo a squarciagola con il quartiere la sua personale versione de “il triangolo no”; il gatto bianco e nero che ha adottato il  mio giardino mi guarda sornione dalla casetta degli attrezzi dove ha trovato rifugio dalla pioggia.
Ma si dai che accendo il forno!

Mi sono ispirata qui.

Torta vegana al cioccolato

INGREDIENTI
Dosi per una tortiera di 18/20cm

  • 80 g di zucchero (di canna nella ricetta originale)
  • 120 g di farina 00 (integrale nella ricetta originale)
  • 30 g di cacao amaro
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 70 g di olio di riso (di semi nella ricetta originale)
  • 100 ml di caffè espresso decaffeinato
  • 100 ml di latte vegetale (soia, riso, mandorle o nocciole)

Per la copertura

  • 100gr cioccolato fondente
  • 3-4 cucchiai di latte vegetale

PROCEDIMENTO

Preriscaldate il forno a 180°C. In una ciotola unite farina, cacao zucchero e lievito. In un’altra ciotola lavorate velocemente l’olio, il latte e il caffè ormai freddo. Unite quindi gli ingredienti liquidi a quelli solidi. Mescolate bene per ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Spennellate con poco olio una tortiera e versate il composto.
Fate cuocere in forno statico ben caldo per circa 35-40 minuti.
Sfornate e lasciate raffreddare completamente.
Sciogliete a bagnomaria il cioccolato con il latte vegetale e mescolate per bene fino a renderlo lucido e vellutato.
Posizionate la gratella su cui avete messo a raffreddare la torta, sopra ad un piatto e piano piano colate il cioccolato fuso fino a coprire totalmente la torta.
Attendete che sia freddo e poi passatelo in frigo fino al momento di servire.

Siete golose di cioccolato? Allora dovete assolutamente provare questa torta al cioccolato con soli albumi e questa torta al cioccolato con ripieno di ricotta.

Ricette primi/ Ricette vegan/ Ricette veloci/ Uncategorized

Gnocchi all’acqua

Non so se si sia trattato di coincidenze, ma nelle scorse settimane, passando dalle vostre cucine virtuali, mi sono accorta che moltissime di voi avevano già testato gli gnocchi all’acqua… niente uova, niente patate, solo farina e acqua in parti uguali. E che, sono da meno io? Non li provo? Certo che sì! Avevo in mente di condirli con un sughetto di pesce, poi lo tempo tiranno mi ha portata ad una “banale” passata di pomodoro e devo dire che anche così semplici ci sono piaciuti tantissimo. Sono di una semplicità disarmante, provateli!!!


INGREDIENTI
Dosi per 4 persone

  • 500gr di farina 00
  • 500ml di acqua
  • 2 cucchiai di olio evo
  • Un pizzico di sale

    PROCEDIMENTO
    Mettete a bollire l’acqua, aggiungete un pizzico di sale e l’olio. A bollore raggiunto, versate tutta in una volta la farina e lasciando sul fuoco ancora un minuto mescolate. La farina assorbirà l’acqua e l’impasto diventerà una palla. Riversatela sulla spianatoia, attendete qualche minuto che raffreddi poi impastatela per bene fino ad ottenere un tutto omogeneo. A questo punto prelevate un pezzettino di pasta alla volta, lavoratela ottenendo un cordoncino di 2-3 cm di diametro. Con un coltello affilato tagliate dei tocchetti da 2 cm ca.
    Rimettete a bollire l’acqua, salatela, a bollore versate un po’ di gnocchi e quando vengono a galla, con una schiumarola scolateli e conditeli a piacere.
    Note: gli gnocchi vanno cotti un po’ alla volta per evitare che appiccichino l’uno l’altro in cottura. Vanno scolati subito appena vengono a galla, altrimenti diventano troppo duri.
    Ricette biscotti/ Ricette dolci/ Ricette vegan/ Uncategorized

    Simil macine vegane


    Nonostante provenga dal maestro Montersino (dal libro Croissant e biscotti) ho tentennato per un po’ prima di decidermi a preparare questa frolla….e sapete una cosa? Me ne sono amaramente pentita! Di aver lasciato la ricetta nel cassetto per così tanto tempo intendo…. Davvero molto buoni, sono croccantini, asciutti ma gustosi, secondo me perfetti abbinati ad una marmellata o inzuppati sia nel latte che nel tè. Ho già girato la ricetta a colleghe e mamme che li avevano assaggiati e pare abbiano fatto centro. Ragazze, provare per credere!
    Buona settimana!!!


    INGREDIENTI
    Dosi per ca. 40 biscotti
    • 375gr di farina di farro bianca
    • 190gr di zucchero di canna grezzo
    • 50gr di olio evo
    • 50gr olio di semi (per me di riso)
    • 90gr di acqua
    • 10gr di lievito chimico per dolci

    PROCEDIMENTO

    Fate sciogliere leggermente lo zucchero nell’acqua, unite il lievito ed i due oli, poi versate la farina setacciata.
    Otterrete un impasto molliccio, ma non preoccupatevi; avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigorifero almeno una mezz’oretta. Una volta trascorso il tempo del riposo lavorate la pasta per mezzo minuto: potete farlo sia a mano o con l’impastatrice. Dovesse sembrarvi troppo duro, unite all’impasto un cucchiaio d’acqua.
    Stendete l’impasto ad un’altezza di ca. ½ cm e con un coppapasta a vostra scelta ricavate dei biscotti. Io ho scelto la classica ciambellina con il buco. Disponeteli su una teglia ricoperta di carta da forno e cuocete in forno a 180° per ca. 15 minuti.

    Appetizer/ Ricette antipasti/ Ricette senza glutine/ Ricette vegan/ Uncategorized

    Polpettine di lenticchie vegane e senza glutine


    Eccoci, ci siamo… è arrivato di nuovo dicembre con la sua frizzante frenesia…
    Voilà qualche ideuccia da proporre in occasione di una delle innumerevoli cene e/o aperitivi che vi ritroverete a preparare.
    Cominciamo con delle polpettine, vegane, e gluten free che potrete offrire con un bianco frizzantino alle amiche che vi raggiungono a casa per un veloce apericena. Sono piccole piccole e sane, nessun senso di colpa per aver abusato con le calorie….


    INGREDIENTI
    Dosi per per ca. 40 polpettine
    • 500 gr di lenticchie giganti secche
    • ½ litro di brodo vegetale
    • 2 carote
    • ½ porro
    • 1 costa di sedano
    • Olio, sale e pepe
    • Curry
    • Farina di ceci

    PROCEDIMENTO

    Tagliate a pezzetti molto piccoli le carote, il porro ed il sedano versandoli nella pentola a pressione con 2-3 cucchiai di olio d’oliva. Saltatele a fuoco vivace per qualche minuto aggiungete     quindi mezzo mestolo di brodo e cuocete per ca. 10 minuti. Frullate ed aggiungete ora le lenticchie. Rimestate con cura, versate il brodo rimanente, mettete il coperchio e calcolate 15 minuti dal fischio.
    Aprite la pentola a pressione, salate, pepate ed abbondate di curry. Aggiungete, se ce ne fosse bisogno 1-2 cucchiai di olio d’oliva.
    Frullate grossolanamente le lenticchie. Lasciatele riposare una notte se possibile o almeno qualche ora.
    Versate qualche manciata di farina di ceci in un piatto. Prendete una cucchiaiata di lenticchie, adagiatela sulla farina, datele una forma tondeggiante ed appoggiatela su una teglia da forno ricoperta di carta oleata.
    Una volta finito l’impasto ed aver disposto le polpettine sulla teglia, irroratele di olio (consiglio il dosatore spray per non esagerare con il condimento) ed infornatele per qualche minuto, il tempo che si dorino.

    Ricette contorni/ Ricette vegan/ Ricette veloci/ Ricette verdure/ Uncategorized

    Fettine di zucca al forno

    Mi è incomprensibile pensare di alzarmi da tavola senza aver mangiato della verdura. E, se d’estate la soluzione è a portata di mano, perché in tre secondi si riesce a mettere in tavola una terrina di insalata, o un bel piatto di pomodori affettati, d’inverno, per chi ci tiene a rispettare la stagionalità, la maggior parte delle verdure a disposizione richiedono la cottura. In genere, se posso, mi organizzo cuocendole la sera prima, così, quando rientro dal lavoro devo solo scaldarle. Spesso se preparate con un certo anticipo sono addirittura più gustose. Oggi voglio parlarvi delle fettine di zucca al forno… non è nemmeno una ricetta, data la banalità della preparazione, ma trovo che sia una soluzione gustosa, veloce, economica, poco calorica e davvero alla portata alla chiunque! Cosa volere di più?


    INGREDIENTI
    Zucca tagliata a fettine di ca. 1 cm di spessore
    Rosmarino, salvia, sale, olio
    PROCEDIMENTO

    Pulite per bene, con un panno umido la zucca, poi, ancora cruda e senza togliere la scorza affettatela. Disponete le fettine, leggermente sovrapposte, in una pirofila. Salate, cospargete di rosmarino, aggiungete 2 – 3 foglioline di salvia e terminate con un filo d’olio d’oliva.
    Coprite con un foglio di alluminio, bucatelo con una forchetta per far fuoriuscire il vapore ed infornate a 200° per ca. 20 minuti. Lo trovo un ottimo contorno. Se vi avanza, la polpa così cotta è perfetta per un risotto o per condire una pasta.
    Ricette primi/ Ricette vegan/ Uncategorized

    Farfalle con lenticchie mandorle e pangrattato

    Avete mai fatto l’errore di dire alla vostra mamma che quel nuovo piatto da lei proposto era davvero buono? E vi siete poi amaramente pentiti, perché quel “nuovo” piatto vi è stato riproposto per almeno 6 mesi a seguire? Dopo aver sperimentato il condimento a base di mandorle tritate, pangrattato e timo ed aver ricevuto i complimenti dei miei commensali, m’è venuta la smania di testarlo in più piatti, dal pesce, alle verdure, alla pasta… Oddio, sarò mica passata dall’altra parte della barricata????

    INGREDIENTI
    Dosi per 4 persone
    • 400 gr di pasta (formato che preferite)
    • 150 gr di lenticchie crude secche (per me le Pedina)
    • 1 manciata di mandorle tritate
    • 2 manciate di pangrattato
    • timo
    • 1 carota/ ½ costa di sedano
    • Sale, , olio e pepe
    PROCEDIMENTO
    In pentola a pressione, soffriggete con qualche cucchiaio d’olio le carote ed il sedano tritati sottili. Una volta ammorbidite le verdure, aggiungete un paio di cucchiai d’acqua e frullate grossolanamente. Aggiungete le lenticchie, rimestate per bene versando poi 2 bicchieri d’acqua. Coprite e cuocete per 12 minuti dal fischio (o comunque seguite le indicazioni riportate sulla confezione).
    Cuocete la pasta, scolatela e conditela prima con un filo d’olio a crudo, poi con le lenticchie ed infine con una spolverata di mandorle, pangrattato e timo.
    Ricette antipasti/ Ricette contorni/ Ricette vegan/ Ricette verdure/ Uncategorized

    Giardiniera agrodolce

    Che vi dicevo nel post di venerdì a proposito di cose colorate nel piatto? Beh, detto/fatto!
    C’era un bel pezzo di speck da tagliare, ma con cosa abbinarlo? Con delle verdure sott’olio o sott’aceto, no? Ed un bel po’ di pane casereccio, naturalmente.
    Mumble, mumble, ma qualche tempo fa, la mia amica non mi aveva parlato di una ricetta della giardiniera?  Trovata!!! Oh cavolo, tra gli ingredienti sono compresi fagiolini e peperoni, non propriamente stagionali… Scartati i primi, ai secondi non ho saputo resistere, per una questione puramente cromatica s’intende…
    Che ne dite del risultato? Io l’ho trovata ottima… (e pensate che l’aceto entra in casa mia a titolo di detersivo e nulla più, tanto lo apprezzo…).

    INGREDIENTI

    • 3 peperoni (per una questione puramente cromatica sceglietene uno per colore: giallo, rosso e verde)
    • 3-4 coste di sedano bianco
    • 1 finocchio
    • 5 carote
    • ½ cavolo
    • 10-15 cipolline
    • 300 gr di vino bianco
    • 300 gr di aceto di vino
    • 300 gr di olio d’oliva
    • 120 gr di zucchero
    • 15 gr di sale grosso

    PROCEDIMENTO

    Una volta lavate, tagliate a pezzi le verdure, tranne le cipolline s’intende. In una capace terrina mettete a crudo il peperone, tutto il resto andrà cotto.
    In una pentola versate i liquidi con il sale e lo zucchero. Portate ad ebollizione, poi passate alla cottura delle verdure a tocchi sbollentandole per almeno 10 minuti.
    Cominciate dal cavolo con il sedano, poi carote e finocchio, quindi le cipolline. Man mano che scolate le verdure, versatele bollenti sopra ai peperoni crudi. Quando avrete cotto tutto terminate versando anche il liquido bollente. Mescolate solamente quando sarà raffreddata.
    La prossima volta ci aggiungerò anche qualche funghetto e magari uno spicchio d’aglio o del peperoncino per farcire magari delle bruschette…

    Ricette vegan/ Ricette verdure/ Uncategorized

    Couscous vegetariano

    Ho sempre una sorta di timore quando mi accingo a cuocere il cous cous, penso che sia dotato di vita propria …tu lo perdi di vista un attimo e lui si moltiplica e, se tu continui ad aggiungere brodo, rischi di mangiare cous cous per una settimana… Sono l’unica ad avere questa impressione? Purtroppo non sono una grandissima fan delle spezie, non amo nemmeno i cibi esageratamente piccanti e quindi, nelle mie ricette a base di questa semola, qualche pizzico di paprika o di curry e poi mi stoppo.  Se deciderete perciò di ispirarvi alla ricetta che segue, personalizzatela come più vi aggrada: curcuma, coriandolo, harissa…

    INGREDIENTI
    • 250 gr di cous cous
    • A piacere: peperoni, melanzane lunghe, zucchine, cipolla di Tropea, sedano, carote
    • 250 ml di brodo vegetale
    • Menta, basilico, prezzemolo e spezie a piacere (per me paprika e curry)
    • Sale e olio evo
    PROCEDIMENTO
    Disponete il cous cous in una capiente terrina, aggiungete un pizzico di sale e un paio di cucchiai d’olio per sgranare bene la semola. Versate 300 ml di brodo freddo, mescolate per bene e lasciate assorbire per una ventina di minuti.
    Sgranate il cous cous aggiungendo altri due cucchiai d’olio ed il restante brodo e lasciate gonfiare per altri 10 minuti.
    In una padella con 4 cucchiai d’olio aggiungete le verdure tagliate a dadini regolari e partendo dalle più dure cuocetele a fuoco vivace facendo attenzione che non si sfaldino. Lasciate intiepidire poi aggiungete il cous cous, un abbondante trito di menta, basilico e prezzemolo.
    Lasciate riposare per un paio d’ore e poi servite.
    Ricette primi/ Ricette vegan/ Uncategorized

    Mezze penne integrali al ragù di lenticchie

    Ci si ricorda delle lenticchie l’ultimo giorno dell’anno e poi le si dimentica in un angolo della dispensa fino a quando non si decide di fare un po’ di pulizia dei vari sacchetti iniziati e mai finiti. A me non è andata precisamente così ma quasi, nel senso che le lenticchie non giacevano nella mia dispensa ma in un’altra 🙂 Le lenticchie hanno un sapore ottimo oltre a essere ricche di proteine, vitamine e sali minerali. Insomma, sono un toccasana per riprendersi dagli strascichi lasciati dai malanni invernali e per iniziare la primavera carichi di energia. La ricetta che vi propongo nasce quindi dalla combinazione di più esigenze, quella del “riciclo” e quella energetica. Al di là del tempo di cottura delle lenticchie, il resto poi si prepara in un attimo, per questo vi suggerisco di crearvi una piccola scorta di ragù di lenticchie da tenere in freezer e da utilizzare in occasione di pranzi con vegetariani e non. Vi garantisco che nessuno rimarrà deluso.

    INGREDIENTI
    Dosi per una persona

    • 60 gr. di pasta integrale tipo mezze penne (io ho usato quelle Barilla)
    • 30 gr di lenticchie secche
    • Olio evo
    • 1 cucchiaio di salsa di pomodoro
    • 1 carota
    • 1 gambo di sedano
    • Sale qb.
    PROCEDIMENTO

    Tagliate a tocchetti il sedano e la carota e metteteli in un pentolino. Versate nel un pentolino le lenticchie e copritele con acqua fredda, aqggiungete quindi un pizzico di sale e fatele cuocere a fuoco basso per il tempo indicato nella confezione; di solito 30/40 minuti. Al termine del tempo di cottura verificate che le lenticchie abbiano assorbito tutta l’acqua, se è così aggiungete il cucchiaio di salsa di pomodoro e un filo d’olio. Mescolate per un paio di minuti e poi togliete le lenticchie dal fuoco.
    Buttate le penne nell’acqua bollente leggermente salata e cuocetele al dente. Scolate quindi la pasta e conditela con il ragù di lenticchie. Una spolverata di pecorino per chi gradisce. Buon appetito!

    Ricette vegan/ Ricette verdure/ Uncategorized

    Peperoni ripieni di verdure (di Giovanna)

    Con queste temperature l’idea di accendere il forno esalta ben poco, ma per le ricette che consigliano “più buono se mangiato il giorno dopo” molto spesso non c’è alternativa. A casa ho un piccolo giardinetto dove la sera ceniamo, e così, mentre godiamo del fresco della sera e delle zanzare, in cucina accendo il forno per il giorno dopo. Lascio alla vostra immaginazione il momento in cui, allo squillo del timer, rientro in cucina per controllare la cottura… Grazie a Dio esiste l’aria condizionata!!!
    Ecco la ricetta di oggi: peperoni ripieni di verdure.

    INGREDIENTI

    • 3 peperoni  (per una questione cromatica prendeteli di colori differenti)
    • 2 zucchine
    • 1 melanzana lunga
    • 1 cipollotto
    • Basilico
    • Menta
    • Aglio, olio, sale, pepe

    PROCEDIMENTO

    Togliete la calottina ai peperoni, puliteli internamente e disponeteli in una pirofila condendoli con poco olio e sale. Cuocete in forno già caldo a 190° per 20/25 minuti.
    Tagliate a pezzetti regolari le altre verdure.
    Scaldate 4 cucchiai d’olio e uno spicchio d’aglio, facendo saltare nel condimento le verdure. Aggiungete per ultimo un pizzico di sale grosso, il pepe e le foglie di basilico e menta spezzettate con le mani.
    Cuocete complessivamente per almeno 15 minuti.
    Togliete i peperoni dal forno e riempiteli con le verdure. Molto buoni freddi.