Browsing Category

Ricette verdure

Ricette Asiago/ Ricette risotti/ Ricette secondi/ Ricette verdure/ Uncategorized

Risotto alle verdure invernali e Asiago Dop


Quando leggerete questo post sarò (spero) distesa su un divano in piena convalescenza, a seguito di un piccolo intervento chirurgico programmato. Mi scuso perciò se non riuscirò a farvi visita nei vostri “angoli cottura” come faccio abitualmente, ma sono certa capirete.
In questo periodo di fermo obbligato confido di riuscire a leggere qualche libro e magari mettere in ordine tutte quelle carte che abitualmente accatasto nella solita mensolina con l’idea che “prima o poi le sistemerò”. Spero soprattutto di tornare presto tra voi.
Ma veniamo alla semplicissima quanto gustosa ricetta. Si tratta di un risotto, né più né meno, che però valorizza le verdure a disposizione in questa stagione e che, secondo me, poverine, sono a volte davvero bistrattate. Purtroppo ero sprovvista di zucca… spero non me ne vorrà… Andiamo a leggere la ricetta.


INGREDIENTI
Dosi per 4 persone

  • 400 gr di riso (per me il Vialone Nano Veronese IGP Ferron)
  • ½ porro
  • 1 carota
  • 1 patata
  • Qualche foglia di verza
  • 1 gambo di sedano bianco
  • Qualche foglia di radicchio (per me il variegato di Castelfranco Veneto IGP)
  • Qualche cima di broccolo romano (con quel verde intenso e quella forma pazzesca che ogni volta mi lascia estasiata)
  • 1 litro di brodo vegetale
  • 100gr di Asiago Stagionato Dop, grattugiato
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • 1 noce di burro ghiacciato
  • Olio evo, sale e pepe q.b.

PROCEDIMENTO

Pulite le verdure, affettate sottilmente il porro, il sedano, il radicchio e le verze. Tagliate a pezzetti molto piccoli la carota, la patata e le cimette di cavolo.
In una padella scaldate qualche cucchiaio d’olio d’oliva, poi saltate le verdure a fuoco vivace rimestando spesso e facendo attenzione che rimangano ancora croccantine. Aggiustate di sale e pepe e mettete da parte.
Tostate il riso, sfumate con il riso bianco ed iniziate la consueta cottura di un normale risotto, aggiungendo cioè il brodo senza smettere di mescolare e solo quando il precedente si sarà assorbito.
A metà cottura aggiungete le verdure e continuate. Ci vorranno, a seconda del tipo di riso scelto, dai 15 ai 18 minuti di cottura. Io amo il risotto al dente. Mantecate con il burro ghiacciato ed il formaggio Asiago. Servite all’onda magari con un giro di pepe se vi va. Ciaoo!

Ricette pentola a pressione/ Ricette verdure/ Ricette zuppe/ Uncategorized

Vellutata di carote con burrata e pesto di basilico

Il mio piccolo ometto, oramai in prima elementare, è sempre stato di gusti difficili, a differenza della sorella che farebbe colazione anche con le aringhe affumicate. Lui  è sempre stato uno da dieta in bianco, pasta, filetto di pesce e patate bollite e guai a proporre una salsina di accompagnamento! Ma da quest’estate ha scoperto il pesto e… lo adora! Da buona mamma ho subito pensato di usarlo come copertura per proporgli cose che solitamente rifiutava e per il momento (dita incrociate) lo stratagemma pare funzionare, come nel caso di questa vellutata di carote che vi propongo oggi. Buon inizio di settimana a tutte!


INGREDIENTI
 
Per la vellutata:
 
  • 700 gr di carote (peso delle carote pulite)
  • 1 patata di media grandezza
  • ½ cipolla rossa
  • 200 gr di burrata
  • 1 litro di brodo vegetale
Per il pesto al basilico:
  • Una manciata di foglie di basilico
  • Una manciata di anacardi tritati
  • 1 cucchiaio di pecorino grattugiato
  • Olio e sale
PROCEDIMENTO
 
Io ho usato la pentola a pressione: tritate la cipolla e rosolatela con 2-3 cucchiai d’olio. Aggiungete le cipolle tagliate a rondelle e la patata tagliata a pezzetti. Aggiungete il brodo, mettete il coperchio e cuocete per ca. 10 minuti dal fischio.
Nel frattempo tritate le foglie di basilico, aggiungendo l’olio, il formaggio e gli anacardi.
Frullate le carote fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea, eventualmente filtrandola con un colino. Aggiustate di sale.
Versate la crema, ancora calda, in un piatto, disponendo in bella mostra un pezzetto di burrata e terminando con un cucchiaino di pesto.
Ricette base/ Ricette verdure/ Uncategorized

Zucchine trifolate

Discorso trito e ritrito: la materia prima fa la differenza e la si sente nelle ricette basic, quelle dove non puoi barare con l’aggiunta di qualche salsa o sughetto che supplisca alla mancanza di gusto all’ingrediente principale.
Mi sono state regalate delle zucchine a km 0, arrivate ancora impolverate di terra e tiepide perché appena strappate dalla pianta che era sotto il sole cocente. Il modo migliore per apprezzarne il sapore genuino era, secondo me, quello di cuocerle in tegame (anzi, “in tecia” si dice qui nel padovano). Ragazzi che gusto!!!!
So che in molti direte, ma chi non sa cuocere le zucchine trifolate? Beh, ho scoperto che, spesso, le ricette più banali e basilari sono sconosciute a molti, quindi beccatevi la mia versione!
Ah… le pizzette delle foto le ho fatte io, ehhhh! La ricetta qui.


INGREDIENTI
  • 1 kg di zucchine
  • 1 spicchio d’aglio
  • Olio evo
  • Sale e pepe
  • Qualche foglia di basilico e menta
PROCEDIMENTO

Spuntate e lavate le zucchine. Tagliatele a rondelle o a tocchetti.
In una padella scaldate 3-4 cucchiai di olio evo, e soffriggeteci l’aglio senza farlo colorire. Aggiungete le zucchine e sempre a fiamma vivace cuocete rimestando spesso per evitare attacchino al fondo. Procedete con la cottura facendo attenzione che le verdure rimangano croccanti. Una volta raffreddate, spezzettate grossolanamente con le mani qualche foglia di basilico e di menta e mescolatele alle zucchine. Molto più buone se mangiate il giorno successivo.
Ricette risotti/ Ricette secondi/ Ricette verdure/ Uncategorized

Risotto ai piselli freschi

E’ bello, con l’avanzare della nuova stagione, riscoprire i frutti che la terra via via ci mette a disposizione. Hanno un gusto nuovo, che si riscopre sempre con piacere.
Con la ricetta di oggi riscopriamo i piselli, in un “banale” risottino che, vi assicuro, nella sua semplicità ha davvero riempito di gusto il nostro pranzo. Evviva i prodotti stagionali!


INGREDIENTI
Dosi per 4 persone
  • 320 gr di riso
  • 250 gr di piselli freschi (sgusciati)
  • 1 litro brodo vegetale
  • ½ cipolla rossa di Tropea di piccole dimensioni
  • ½ bicchiere di vino bianco secco
  • 1 noce di burro
  • 1 abbondante manciata di parmigiano grattugiato

PROCEDIMENTO
 
Soffriggete la cipolla tritata con qualche cucchiaio d’olio, aggiungete i piselli e ½ mestolo di brodo vegetale, mettete il coperchio e cuocete 7/8 minuti. Aggiustate di sale.
Tostate il riso, sfumate con il vino bianco ed iniziate a cuocere il riso aggiungendo il brodo bollente man mano che, mescolando, il precedente si è assorbito.
A metà cottura aggiungete i piselli e proseguite la cottura. Mantecate con burro e parmigiano.
Servite all’onda.
Ricette contorni/ Ricette verdure/ Uncategorized

Indivia belga stufata

Vorrei chiudere la settimana con della verdura: l’indivia belga, ma cotta.
L’ho stufata con dello scalogno (in fondo anche il maestro Cracco ritiene faccia figo…) e l’ho cotta abbastanza perché mi pareva sempre troppo al dente. Appena pronta mi dava l’idea di un amarognolo troppo intenso, ma dopo una notte di riposo devo dire che si era insaporita per bene con le olive, motivo per cui ve la propongo fiduciosa che la apprezzerete.
Buon we!



INGREDIENTI
Dosi per 4 persone
  • 500 gr di indivia belga
  • ½ scalogno
  • 10 olive
  • ½ tazzina di aceto
  • Sale, pepe e olio evo
Affettate e soffriggete lo scalogno con 3 cucchiai d’olio, aggiungete l’indivia affettata e, a fuoco vivace, rimestate per qualche minuto. Versate l’aceto e sempre mescolando fate evaporare.
Affettate le olive, aggiungetele alla verdura e proseguite con la cottura. Salate e pepate.
Ricette base/ Ricette contorni/ Ricette veloci/ Ricette verdure/ Uncategorized

Cipolle stufate

Oggi un inno alla cipolla, vegetale diffuso in tutto il mondo, di numerose varietà che prendono il nome dal colore della buccia, dal luogo di provenienza e dalla forma del bulbo. La cipolla ha un consistente valore nutritivo, grazie alla presenza di sali minerali e vitamine, soprattutto la vitamina C, ma contiene anche molti fermenti che aiutano la digestione e stimolano il metabolismo; inoltre contiene anche oligoelementi quali zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo, diverse vitamine; flavonoidi con azione diuretica e la glucochinina, un ormone vegetale, che possiede una forte azione antidiabetica.
Suvvia, superate l’avversità verso questo vegetale e datele una possibilità!


INGREDIENTI
Dosi per 3-4 persone
  • 4 cipolle bianche di medie dimensioni
  • 3 cucchiai di olio evo
  • ½ bicchiere di acqua calda
  • 30 gr di ricotta affumicata stagionata grattugiata ( o qualunque altro formaggio a pasta dura a vostra preferenza)
PROCEDIMENTO
 
Sbucciate le cipolle, affettatele grossolanamente, e adagiatele in un tegame con l’olio. Accendete il fuoco e cuocete un paio di minuti, poi, senza mescolare, aggiungete il mezzo bicchiere d’acqua, mettete il coperchio e lasciate andare il fuoco per una ventina di minuti. Le cipolle dovranno essere morbide ma non sfaldarsi. Salata, pepate e ricoprite con il formaggio grattugiato. Spegnete il fuoco, coprite per un paio di minuti e poi servite.
Ricette contorni/ Ricette verdure/ Uncategorized

Finocchi gratinati

Dunque, anche voi, man mano che passano i giorni state piano piano riempendo il calendario di appunti sulle varie cene e/o ritrovi per saluti, auguri etc etc in vista delle festività natalizie? La mia vita in questo periodo dell’anno diventa un grande, grandissimo tetris… tra il lavoro in primis, saggi e recite di Natale, amici che non si vedono da tempo e che “almeno” in questa occasione fa piacere rivedere… un disastro! E se salta qualcosa si salvi chi può….
In questo contesto preparare da mangiare non è facilissimo, e, per quanto mi riguarda, cerco di compensare le serate goduriose con pranzi “tranquilli” che nuociano il meno possibile.
Tutto sto preambolo per presentarvi degli umili finocchi gratinati al forno, ricoperti da una besciamellina light fatta sostitueno il latte con il brodo vegetale. Giurin giurello, da provare!


INGREDIENTI

  • 4 finocchi di medie dimensioni
  • 1/2 litro di brodo vegetale
  • 50 gr di farina 00, ma all’occorrenza potete usare anche quella di riso
  • 1 noce di burro
  • due manciate di formaggio grattugiato

PROCEDIMENTO

Mondate i finocchi, tagliateli a spicchi non troppo sottili e lavateli. Poi cuoceteli in acqua (bolliteli) fino a che, infilzandoli con una forchetta, risulteranno morbidi.
Scolateli e lasciateli a gocciolare.
Preparate la besciamella sostituendo banalmente il latte con il brodo vegetale (qui la ricetta base). Naturalmente per un piatto più sostanzioso potete fare la besciamella con la ricetta originale.
Amalgamate una manciata di formaggio grattugiato.
Prendete una pirofila, stendete uno strato sottile di besciamella, disponete sopra i finocchi, salateli e poi irrorateli con la besciamella. Cospargete la superficie con il formaggio grattugiato rimanente.
Infornate con la funzione grill per 10/15 minuti.
Ricette verdure/ Ricette zuppe/ Uncategorized

Minestra di legumi piccante

Per me temperature che si abbassano equivalgono a minestre, passati e vellutate fumanti.
Avevo in dispensa un sacchettino con dei legumi secchi misti che avevo preso ad una bancarella al mercato qualche settimana fa: fagioli rossi e neri, lenticchie rosse e marroni, piselli secchi, perchè non cuocerli? E per un tocco di colore in più ho aggiunto un bel pò di peperoncino rosso piccante ed essiccato portato a casa dalla Calabria questa estate. Ci si scalda eccome!

INGREDIENTI
  • 500 gr di legumi secchi misti
  • 1/2 porro
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglie di salvia
  • 1 pizzico di sale
  • qualche cucchiaio d’olio
  • 1 litro di brodo vegetale
  • peperoncino piccante
  • curry (facoltativo)

PROCEDIMENTO

Mettete in ammollo i legumi per almeno 12 ore.
Procedete poi tagliando a listarelle sottili il porro, fatelo saltare con qualche cucchiaio d’olio fino a che si ammorbidisce.
Versate i legumi, rimestate per bene, aggiungete il brodo, il rosmarino e la salvia e cuocete per almeno 40/50 minuti se usate una pentola normale, 20/25 minuti se preferite la pentola a pressione.
In questa versione io lascio i legumi interi così come si presentano a cottura ultimata, un pò sfaldati e cremosi, un pò ancora con la loro forma. Eliminate il rosmarino e la salvia. Aumentate o diminuite il quantitativo di brodo secondo il vostro gusto circa la cremosità della minestra.
Aggiustate di sale e pepe, terminate con curry, peperoncino ed un giro d’olio.
Trovo che sia molto più gustosa consumata il giorno successivo.
Ricette contorni/ Ricette vegan/ Ricette veloci/ Ricette verdure/ Uncategorized

Fettine di zucca al forno

Mi è incomprensibile pensare di alzarmi da tavola senza aver mangiato della verdura. E, se d’estate la soluzione è a portata di mano, perché in tre secondi si riesce a mettere in tavola una terrina di insalata, o un bel piatto di pomodori affettati, d’inverno, per chi ci tiene a rispettare la stagionalità, la maggior parte delle verdure a disposizione richiedono la cottura. In genere, se posso, mi organizzo cuocendole la sera prima, così, quando rientro dal lavoro devo solo scaldarle. Spesso se preparate con un certo anticipo sono addirittura più gustose. Oggi voglio parlarvi delle fettine di zucca al forno… non è nemmeno una ricetta, data la banalità della preparazione, ma trovo che sia una soluzione gustosa, veloce, economica, poco calorica e davvero alla portata alla chiunque! Cosa volere di più?


INGREDIENTI
Zucca tagliata a fettine di ca. 1 cm di spessore
Rosmarino, salvia, sale, olio
PROCEDIMENTO

Pulite per bene, con un panno umido la zucca, poi, ancora cruda e senza togliere la scorza affettatela. Disponete le fettine, leggermente sovrapposte, in una pirofila. Salate, cospargete di rosmarino, aggiungete 2 – 3 foglioline di salvia e terminate con un filo d’olio d’oliva.
Coprite con un foglio di alluminio, bucatelo con una forchetta per far fuoriuscire il vapore ed infornate a 200° per ca. 20 minuti. Lo trovo un ottimo contorno. Se vi avanza, la polpa così cotta è perfetta per un risotto o per condire una pasta.
Ricette contorni/ Ricette verdure/ Uncategorized

Teglia di peperoni

Cari amici ben trovati! Speriamo stiate tutti bene e che abbiate potuto godere di qualche giorno di vacanza, o comunque di relax, lontani dalla routine quotidiana. Anche se è il secondo giorno di settembre, poiché il sole continua a fare presenza, anche se non più intenso come qualche settimana fa, abbiamo deciso di ripartire ma postando ancora qualche ricettina estiva, con i rimasugli dei frutti di stagione.
La ricetta della teglia di peperoni è liberamente tratta dal numero di agosto de La Cucina Italiana (neanche la fatica di mettere in moto la cellula grigia ancora in “mood” vacanziero). Provatela, perché ne vale davvero la pena!

INGREDIENTI
  • 1 cipolla
  • 4 peperoni (per un totale di ca. ½ kg) dei colori che preferite
  • 4 cucchiai abbondanti di pane grattugiato
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • Qualche oliva nera tritata grossolanamente
  • Qualche foglia di basilico e menta
  • Sale, pepe ed olio d’oliva

PROCEDIMENTO

Affettate la cipolla e rosolatela con dell’olio d’oliva. Appena inizia ad appassire aggiungete i peperoni tagliati a falde sottili e saltateli a fuoco vivace per 4-5 minuti. Aggiungete le olive e regolate di sale.
Condite il pane con olio ed erbette sminuzzate, aggiungete il parmigiano.
Trasferite le verdure in una teglia da portata distribuendoci sopra il composto di pane e parmigiano.
Unica raccomandazione: le verdure devono rimanere croccanti, in questo modo non perderanno liquido e saranno anche molto più digeribili.